Cosa fare d’estate in Calabria: borghi, cibo genuino, eventi e tradizioni
  • Italiano
  • English
visita mare estate calabria vacanza

Estate

Una terra arida ma ricca, un popolo sorridente e cortese, fiumi asciutti e natura dai frutti rigogliosi che sotto il solleone regalano piccole grandi gioie indimenticabili

Il caldo torrido, lo scirocco che soffia e che fa ribollire gli animi, il mare cristallino, il buon cibo genuino, i profumi della terra arida, i sorrisi delle persone, la gioia di vivere, il relax nel godersi la vacanza. Queste sono solo alcune delle cose che caratterizzano la nostra destinazione durante la stagione più calda dell’anno. E qui fa caldo davvero! Abituati ad andare in giro in costume ed infradito, abituati a condividere una bevanda fresca e una risata in riva al mare e a cercare ristoro nelle sere più calde sulle enormi spiagge dei nostri paesi o nei centri storici dei nostri borghi in collina.

Pacchetti e Tour

Cosa fare in Calabria in Estate

Il Mar Ionio bagna per centinaia di chilometri spiagge sabbiose e ciottolose senza interruzioni di sorta. La Riviera degli Angeli è solo una parte di questo splendido e naturale confine tra l’Italia, l’Europa e il continente africano. Questo mare ricco di fascino storico e dalla abbondante biodiversità è una location perfetta per trascorrere le vacanze estive. Il mare cristallino che caratterizza il litorale di tutti i paesi della Riviera è perfetto per favorire le attività dei viaggiatori più curiosi, come lo snorkeling e il diving nei diversi relitti di navi sommerse, che è possibile vedere accompagnati da guide esperte. L’altra faccia della medaglia di questo splendido mare sono le spiagge chilometriche che ospitano la gioia della schiusa delle tartarughe Caretta Caretta ma non solo. I servizi balneari di questa fascia costiera sono i più indicati per godersi una vacanza in totale relax, dove il comfort non è solo dato da moderni e accoglienti servizi di ospitalità ma anche e, soprattutto, dalla lentezza e autenticità delle persone che incontrerai e che ti faranno scoprire una cordialità e una semplicità che non potrà non colpirti durante una cena in spiaggia, una lettura sotto il sole cocente della regione più meridionale della nostra penisola o sorseggiando una birra fresca in uno dei lidi attrezzati della zona.

Cosa mangiare in questa stagione

La Calabria, si sa, è la regione di chi ama mangiare bene e genuino. Infinite saranno le occasioni per scoprire e assaporare i gusti autentici e tradizionali di questa terra, ma ci sono alcuni prodotti della terra e alcune ricette che danno il loro meglio in questa straordinaria stagione. L’olio extravergine d’oliva fatto con i frutti che nascono a queste latitudini è un ingrediente base che dona ad ogni piatto un tocco di freschezza e genuinità. Le paste fresche, la celeberrima parmigiana di melanzane, le pitte per un pasto veloce ma anche i piatti di pesce preparati con il pescato del giorno non ti lasceranno di certo indifferente. Il bis sarà dietro l’angolo e lasciate perdere le dicerie per cui il cibo calabrese è pesante. Nei paesi della Riviera e dei borghi degli angeli la cucina è semplice e “leggera”… se tralasciamo i tanti fritti che vedono protagonisti le sempre presenti melanzane, i fiori di zucca, le zucchine, i peperoni a peperonata o ripieni. Tutto questo ben di dio viene innaffiato dal buon vino che nasce dai vigneti locali e che non vanta grandi etichette, ma piccoli grandi intenditori si. In particolare la produzione diffusa tra le famiglie degli abitanti è rimasta inalterata nel tempo ed è un rito a cui la popolazione locale tiene davvero tanto. Sono decine, infatti, i cosiddetti catoj dove molte famiglie conservano il vino che non lesinano di offrire durante eventi tradizionali e improvvisate cene a base di formaggi e salumi locali; piccanti (è ovvio) ma anche dolci. Da Stilo a Sant’Andrea Apostolo dello Ionio, passando per tutti gli altri paesi e borghi della zona troverai numerosi ristoranti, agriturismi e botteghe dove rifocillarti e acquistare gustosissimi souvenir. Ma il consiglio che ci sentiamo di darti è quello di scoprire l’autenticità dei prodotti e delle ricette tradizionali; non mancheranno inoltre locali dove osservare la tradizione che si mescola in maniera armonica con la modernità di una cucina che sa valorizzare prodotti antichi e genuini, con ricette rivisitate che sanno conquistare i palati più raffinati.

Dove dormire

Dove mangiare

Servizi turistici

Eventi e tradizioni da non perdere

L’estate è per definizione la stagione calda e di certo in questa destinazione va vissuta all’ombra di un ombrellone, immersi nel blu dello Ionio e in un locale a gustare un gelato, una granita o una bevanda rinfrescante. Questa stagione è anche quella in cui le marine e i borghi si accendono di luci e di vita, grazie a feste e concerti con artisti provenienti da tutta Italia, che intrattengono calabresi e turisti che vogliono vivere una vacanza con i fiocchi. Ma durante l’estate, tra una passeggiata sul lungomare di uno dei nostri paesi, un tuffo e un po’ di sani sport acquatici ci sono alcuni momenti importantissimi per i cittadini.Occasioni ed eventi imperdibili per tutti i visitatori che vogliono toccare con mano e conoscere da vicino il cuore e le tradizioni di chi abita questi territori. Tra i più importanti eventi tradizionali estivi da non perdere non possiamo dimenticare le celebrazioni di giugno del Corpus domini a Santa Caterina dello Ionio, quando i paesani colorano le vie del paese con coperte colorate appese alle finestre di casa. Agosto è il clou delle tradizioni estive. A Stilo la prima settimana di agosto si tiene il suggestivo Palio di Ribusa. In questi giorni in giro per il paese non stupirti di incontrare dame e cavalieri, cavalli e gonfaloni che rappresentano i quartieri del centro storico di questo paese pieno di storia. Il 18 agosto, invece, nel borgo di San Floro si tiene un rito religioso, un voto di penitenza, che ha più di 300 anni di vita, un omaggio alle divinità cristiane per avere liberato il piccolo paese della Costa degli Aranci dalla peste. Per i visitatori di oggi si tratta di un’occasione speciale per scoprire le antiche tradizioni di un paese da visitare in Calabria e chissà che non riuscirai ad assaggiare i Vutureddha, dolci tradizionali che i san floresi preparano per omaggiare le divinità e che consegnano alla Chiesa prima della partenza della processione ufficiale.

Top